Segreteria

Segreteria

Riunione dell’Osservatorio appalti del 6 giugno 2011

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
L'Osservatorio regionale degli Appalti e contratti pubblici della Confservizi-Cispel Sardegna si è riunito lunedì 6 giugno 2011 alle ore 10.30 presso la sede dell'Enas a Cagliari.

L’Osservatorio regionale degli Appalti e contratti pubblici della Confservizi-Cispel Sardegna si è riunito lunedì 6 giugno 2011 alle ore 10.30 presso la sede dell’Enas a Cagliari.

All’ordine del giorno le nuove regole sui ricorsi negli appalti, la tracciabilità dei flussi finanziari con la P.A. negli appalti e nei finanziamenti pubblici.

Tra gli interventi nell’ultima riunione dell’Osservatorio sugli Appalti e Contratti della Confservizi-Cispel Sardegna: “Le nuove regole sui ricorsi negli appalti” illustrato da Mattia Pani, coordinatore dell’Osservatorio, e “La tracciabilità dei flussi finanziari con la Pubblica amministrazione negli appalti e nei finanziamenti pubblici”, effettuato da Carlo Sanna dell’Università di Cagliari.

Successivamente si è parlato delle problematiche pratiche con Silvia Gaspa dell’Enas e Licia Zucca del Ctm.

In conclusione, si è svolto un dibattito dove hanno preso la parola le aziende.

A margine della riunione, il Direttore Generale Ottavio Castello ha spiegato “Per quanto riguarda l’osservatorio degli appalti e contratti pubblici, il nostro sindacato intende fornire ai propri associati una vera struttura di supporto per affrontare i sempre maggiori adempimenti richiesti da una normativa sempre più complessa e in perenne evoluzione”. Sul piatto una pluralità di servizi. “Pensiamo di fornire non solo servizi di natura consulenziale – ha proseguito – ma anche attività di affidamento o integrazione delle competenze a disposizione dell’amministrazione, per superare gli ostacoli che queste possono incontrare nella predisposizione delle procedure di gara”. Nello specifico, il servizio (rivolto non solo alle aziende associate ma a tutte le amministrazioni che ne facciano richiesta) spazia dallo studio preliminare, alla predisposizione della documentazione di gara, al supporto nello svolgimento della procedura e nella fase di esecuzione del contratto, alla formazione e ai seminari.

Di seguito, l’elenco delle norme e delle sentenze citate nella relazione del coordinatore Mattia Pani.

  • art. 243 bis del d.lgs. 163/2006 sull’informativa preventiva dell’intenzione di proporre ricorso;
  • Consiglio di Stato, sez. V, 23.05.2001, n. 3083 sulla condanna alle spese accessoria;
  • art. 13, 163/2006 e Consiglio di Stato, sez. V, 14.02.2011, n. 942 e TAR Lazio Roma, sez. III TER, 10.05.2011, n. 4081 sull’accesso agli atti in materia di appalti;
  • art. 79, comma 5 quater, 163/2006 sull’obbligo di effettuare le comunicazioni;
  • Consiglio di Stato, sez. V, 12.07.2010, n. 4483; TAR Umbria, sez. I, 17.02.2011, n. 49; Tar Puglia, sez. I, 1.03.2011, n. 359; TAR Toscana, sez. II, 24.09.2010, n. 4887; TAR Lazio, Roma, sez. III Ter, 9.12.2010, n. 35816; TAR Puglia, sez. I, 17.05.2011, n. 745; TAR Sardegna, sez. I, 10.05.2011, n. 464; Consiglio di Stato, sez. IV, 3.05.2011, n. 2646 sul termine per impugnare l’aggiudicazione definitiva;
  • Consiglio di Stato, sez. V, 16.03.2011, 1617 sull’onere di custodia dei plichi di gara tra le diverse sedute;

Un approfondimento, infine, è stato riservato alla giurisdizione in materia di servizio pubblico locale.

DOCUMENTI

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Altre news

Commenta l'articolo